25 Ottobre 2022 - In Decreti

CONGREGAZIONE DELLE CAUSE DEI SANTI

MILANO

 

BEATIFICAZIONE e CANONIZZAZIONE
del Servo di Dio

CARLO ANGELO SONZINI

Sacerdote diocesano
Fondatore della Congregazione delle Ancelle di San Giuseppe
(1878-1957)

 

DECRETO SULLE VIRTÙ

 

“Sono stato crocifisso con Cristo, e non vivo più io, ma Cristo vive in me. E questa vita, che io vivo nel corpo, la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha consegnato se stesso per me” (Gal 2,19-20).

Queste parole di San Paolo permettono di comprendere la testimonianza di carità del Servo di Dio Carlo Angelo Sonzini, che dalla contemplazione di Cristo immolato seppe trarre lo zelo dell’apostolato e la perfezione della vocazione.

Il Servo di Dio nacque a Malnate presso Varese il 24 Giugno 1878. Terminati gli studi nei seminari dell’Arcidiocesi di Milano, il 1 Giugno 1901 fu ordinato presbitero dal Beato Andrea Carlo Ferrari. Qualche mese più tardi entrò nella Congregazione degli Oblati dei Santi Ambrogio e Carlo. Svolse per alcuni anni l’incarico di professore e pubblicò un volume di storia del Vecchio Testamento. Fu nominato canonico teologo presso la Basilica di San Vittore in Varese, dove per quarant’anni portò avanti un intenso lavoro pastorale. Ponendo l’Eucarestia e la Messa quale primo fondamento della propria vita di fede e della cura delle anime, raggiunse una così profonda unione con il Signore da desiderare di imitarlo non soltanto celebrando in persona di Lui ma anche offrendo se stesso come Crocifisso. Colto ed instancabile predicatore, era saggio e prudente nel ministero della confessione come pure nella direzione spirituale delle anime. Manifestò la carità con opere per la promozione della società e della cultura. Si impegnò nel settimanale cattolico denominato Luce, che poi successivamente diresse, e fondò una tipografia e una casa editrice. Fu sollecito verso i lavoratori e benevolo nel sostenere gli indigenti.

Nella società del suo tempo molte giovani iniziavano a lavorare senza alcuna adeguata formazione e inconsapevoli dei propri diritti. Iniziò a radunarle settimanalmente, ascoltava i problemi e offriva loro consigli. Inoltre aiutava le donne a trovare lavoro. Nell’anno 1934 con il denaro dell’eredità paterna acquistò una casa che chiamò “Casa San Giuseppe”. Così nacque la Pia Unione delle Ancelle di San Giuseppe per l’aiuto spirituale e materiale delle donne lavoratrici, che il Beato Alfredo Ildefonso Schuster Arcivescovo di Milano riconobbe canonicamente.
Successivamente questa fu eretta in Congregazione Religiosa e conseguì il decreto di lode della Sede Apostolica nell’anno 1972. Alle Suore il Servo di Dio insegnava a far proprio il fervore missionario dei sacerdoti per la salvezza delle anime e l’amore all’Eucaristia. Fu lui stesso esempio di umiltà, carità e di tutte le virtù cristiane.

Nell’anno 1952 fu costretto dalla malattia a lasciare gradualmente i propri incarichi, e negli ultimi anni di vita offrì al Signore le proprie sofferenze. Concluse a Varese la propria feconda vita terrena il giorno 5 del mese di Febbraio dell’anno 1957. Una chiara e crescente fama di santità ancora oggi circonda il ricordo della sua vita e del suo comportamento virtuoso.

A motivo di questa stessa fama di santità del Servo di Dio è stata avviata la Causa di Beatificazione e Canonizzazione. Presso la Curia ecclesiastica di Milano dal giorno 18 del mese di Gennaio 1991 al giorno 23 del mese di Marzo dell’anno 1994 ha avuto luogo l’Inchiesta diocesana, la cui validità giuridica da questa Congregazione delle Cause dei Santi è stata decretata il giorno 17 del mese di Febbraio dell’anno 1995. Predisposta la Positio¸ si è discusso se il Servo di Dio abbia esercitato le virtù cristiane in grado eroico. Con esito favorevole, il giorno 22 del mese di Gennaio dell’anno 2019 si è tenuto il Congresso dei Consultori Teologi. I Padri Cardinali e i Vescovi riuniti in Sessione Ordinaria, hanno riconosciuto l’aver il Servo di Dio esercitato eroicamente le virtù teologali, cardinali e quelle ad esse annesse.

Fatta quindi dal sottoscritto Cardinale Prefetto accurata relazione al Sommo Pontefice Francesco di tutte queste cose, Sua Santità, accogliendo e confermando i voti di questa Congregazione, in data odierna ha dichiarato: Consta delle virtù teologali Fede, Speranza e Carità tanto verso Dio che verso il prossimo, nonché delle cardinali Prudenza, Giustizia, Temperanza e Fortezza e di quelle annesse in grado eroico del Servo di Dio Carlo Angelo Sonzini, Sacerdote diocesano, Fondatore della Congregazione delle Ancelle di San Giuseppe, nel caso e agli effetti di cui si tratta.

Il Sommo Pontefice ha poi dato mandato che questo decreto sia pubblicato e conservato agli atti della Congregazione delle Cause dei Santi.

Dato a Roma il giorno 11 del mese di Dicembre dell’Anno del Signore 2019.

 

☩ Angelo Cardinale Becciu
Prefetto

 

☩ Marcello Bartolucci
Arciv. tit. di Bevagna
Segretario

 

 

  • Decreto-di-venerabilità_Carlo_Sonzini_2021_web pdf (281kb) [ download ]

Pagina ufficiale del Servo di Dio
Carlo Angelo Sonzini

Ancelle di San Giuseppe:

Varese – Viggiù – Busto Arsizio – Guatemala

Notizie ed eventi

Iscriviti qui per ricevere la nostra newsletter periodica e restare aggiornato su tutte le attività in Italia e nel mondo.

Carlosonzini.it - Copyright MMXXII, Ancelle di San Giuseppe Lavoratore. Tutti i diritti riservati.

it_ITItalian